Il punto di Mastrolonardo – Sangiuliano City-Legnano

Il punto di Mastrolonardo - Sangiuliano City-Legnano (foto Nicolò Pizzi)

Altro appuntamento con la rubricail punto di Mastrolonardo. Grazie al contributo di Agostino Mastrolonardo, analizziamo di domenica in domenica una partita di Serie D. Il tecnico ex Vis Nova, in attesa di una nuova sfida, ci racconterà una gara del massimo campionato dilettantistico. Dando anche un contributo prezioso dal punto di vista tattico. Domenica il tecnico ha assistito al big match del girone B tra Sangiuliano City e Legnano.

Il punto di Mastrolonardo

La sfida tra Sangiuliano City e Legnano, vinta dai gialloverdi che si sono rilanciati così in classifica, non è stata una sfida epica. “La partita non è stata bella, entrambe le squadre hanno avuto delle difficoltà a costruire in modo propositivo il loro gioco. Vuoi per la pressione degli avversari, per i loro momenti difficili, per il poco movimento di squadra. Tutto questo ha determinato una partita non bella, con pochissimi tiri in porta. Forse non se ne sono contati sulle dita di una mano sommando quelli di entrambe le squadre”.

Il tecnico analizza poi le singole realtà. “Il Legnano è andato decisamente male e non ha nemmeno i cambi per provare a cambiare la partita. È vero, chi è entrato ha fatto qualcosa in più, ma è una panchina molto giovane che non può avere delle responsabilità così importanti. Mentre i big hanno commesso molti errori che non ti aspetti”. Un po’ meglio il Sangiuliano: “Si è comunque visto poco ma ha avuto il merito di vedere la porta nei momenti giusti del match. Per questo penso che, comunque, ai punti ha meritato la vittoria“.

Il migliore in campo, secondo Mastrolonardo, è stato Matteo Bruzzone. “Anche questo il segnale di una partita dove sono prevalse le difese sui giocatori di maggiore qualità”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui