Legnano, arrivederci al 2022! Con un calendario fittissimo

Lo stadio Giovanni Mari di Legnano

Il Legnano ha ufficialmente terminato il suo 2021. Un arrivederci al 2022 in maniera mesta, senza giocare, visti i rinvii delle gare contro Leon (campo ghiacciato), VillaValle e Caravaggio. Le ultime due partite sono state rinviate a causa del Covid che ha colpito la formazione lilla. E che costringerà il Legnano a un vero e proprio tour de force nel mese di gennaio. Cui seguirà un mese di febbraioo che prevede già due turni infrasettimanali (mercoledì 2 e mercoledì 16).

Giovanni Munafò: “Speriamo si risolva tutto in tempi brevi”

Il presidente Giovanni Munafò è consapevole che la situazione è delicata. Da un lato la salute, “che viene prima di qualsiasi altra cosa, soprattutto in questo momento in cui la pandemia torna a colpire tante persone”. Dall’altro lato la volontà di tornare in campo il prima possibile: “Spero che tutto possa risolversi in tempi brevi, per poter riprendere ad allenarci, in modo tale di farci trovare pronti quando potremo tornare a giocare in campionato, nella migliore delle ipotesi domenica 9 gennaio nella difficile trasferta contro il Real Calepina”. Queste le dichiarazioni del presidente lilla rilasciate a La Prealpina sul quotidiano in edicola lunedì a firma Guido Ferraro.

Il rischio è che si possa ripetere la situazione che ha vissuto il Città di Varese lo scorso anno. Con tre partite rinviate, il Legnano giocherà verosimilmente 13 partite nei mesi di gennaio e febbraio. Un vero e proprio tour de force. Con la speranza, quantomeno, che la situazione torni normale nel più breve tempo possibile.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui