Il punto di Mastrolonardo: Tritium-Alcione

Il punto di Mastrolonardo - Tritium-Alcione
Il punto di Mastrolonardo - Tritium-Alcione

Secondo appuntamento con la nuova rubricail punto di Mastrolonardo. Grazie al contributo di Agostino Mastrolonardo, analizziamo di domenica in domenica (con aggiunta dei turni infrasettimanali) una partita di Serie D. Il tecnico ex Vis Nova, in attesa di una nuova sfida, ci racconterà una gara del massimo campionato dilettantistico. Dando anche un contributo prezioso dal punto di vista tattico. Mercoledì il mister era sugli spalti del La Rocca per Tritium-Alcione.

Il punto di Mastrolonardo

Una vittoria importante e al fotofinish per la Tritium, una partita che secondo il mister “non ha nascosto le difficoltà di due squadre che, rispetto allo scorso anno, sono completamente nuove“. Il lavoro dei due allenatori, insomma, potrebbe essere ancora lungo: “Non è semplice assemblare due squadre così nuove e così profonde in poco tempo. Nei novanta mninuti l’Alcione mi è sembrato superiore rispetto alla Tritium, che ha vinto la partita pur tirando poco in porta. Anche il gol vittoria è un cross, sereno, destinato a centro area e poi deviato. L’Alcione ha fatto di più ma alla fine… il verdetto del campo è insindacabile e dimostra che le partite vanno sempre giocate“. Una gara che è sembrata già uno scontro diretto, pur essendo la quarta giornata di campionato: “La palla scottava e ci sono stati tanti errori individuali”.

Tra i migliori, Francesco Gobbi in casa Tritium (“Si è letteralmente procurato il gol, giocando novanta minuti da solo contro 4-5 avversari”) e Fabio Morselli per l’Alcione (“Il gol è una perla su punizione, con il pallone messo all’angolino. Più in generale è stato l’unico giocatore in grado di creare la superiorità numerica”).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui