Commisso: “Sappiamo reagire, viviamo di entusiasmo”

Giuseppe Commisso, al quarto anno sulla panchina del NibionnOggiono
Giuseppe Commisso, al quarto anno sulla panchina del NibionnOggiono

Al quarto anno in panchina, Giuseppe Commisso si gode il suo NibionnOggiono. Con pieno merito, visto che la mano del tecnico è più che mai evidente in tutti questi anni. È stato così due anni fa, quando i lecchesi vissero una stagione straordinaria in Eccellenza. È così tuttora, visto che anche in Serie D al De Coubertin si respira aria d’alta classifica. Giuseppe Commisso è stato nostro ospite nella puntata di Stop A Seguire di domenica sera e ha parlato proprio delle qualità della sua squadra.

“Siamo una squadra che sa reagire”

Il tecnico lecchese ha elogiato la capacità di reagire del suo NibionnOggiono: “Siamo stati bravi perché venivamo da tre partite in cui non avevamo raccolto granché. In settimana contro il Brusaporto abbiamo giocato un primo tempo di altissimo livello e per più di un’ora avevamo il doppio vantaggio. Era assurdo il 2-2 ma il calcio è anche questo. Siamo stati bravi a reagire e fortunati a trovare subito il gol del nuovo vantaggio, un po’ lo stesso film visto domenica contro la Tritium. Penso che questo sia un valore importante, che ho sottolineato anche ai ragazzi in settimana”.

“Classifica? Inutile nascondersi”

Giuseppe Commisso è al suo quarto anno da allenatore, ma la sua esperienza da giocatore lo rende consapevole del campionato importante che sta vivendo la sua squadra. “Quando giri a 27 punti e stazioni nella parte sinistra della classifica, è inutile nascondersi. Le aspettative ad inizio stagione non erano queste, ma ci godiamo il momento. Proviamo a fare punti con tutte le squadre, continuando a vivere di entusiasmo. Il nostro sogno? Giocare i playoff. Penso che la società, al suo quinto anno dopo la fusione, se lo meriti per tutti gli sforzi fatti in questo quinquennio”.

La puntata di Stop a Seguire

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui