Stefano Brognoli, addio al calcio per problemi di salute

Stefano Brognoli dice addio al calcio. Non una scelta ponderata e pensata, bensì una scelta forzata a causa di problemi di salute. Il tuttocampista classe 1982 nelle ultime stagioni al Fanfulla, riportato in Serie D nella stagione 2017/2018, è stato costretto ad alzare bandiera bianca. Una scelta obbligata quella del “Brogno”, a seguito di controlli medici che hanno evidenziato un problema cardiaco. Brognoli tra le altre ha indossato anche le maglie di Pro Sesto e Olginatese, con il Fanfulla in Serie D lo scorso anno segnò 20 gol in 31 partite giocate.

Il comunicato del Fanfulla

In una domenica senza campionato visto il rinvio di Fanfulla-Lentigione a data da destinarsi, un’altra notizia che non avremmo voluto dare.

Cinque stagioni, quasi 50 gol, tre stagioni da capitano e un ruolo da trascinatore dello spogliatoio e del pubblico, con un campionato d’Eccellenza vinto e la Serie D giocata da protagonista. Senza mai tirarsi indietro, con alcuni gol e momenti che rimarranno nella storia del Fanfulla. Stefano Brognoli, il Brogno, deve dire basta però. Una scelta obbligata quella del centrocampista classe 1982 dopo alcuni controlli specifici a livello medico effettuati nei giorni scorsi.

Lo stesso Brognoli, negli attimi immediatamente successivi al rinvio del match di oggi, salutato poi con grande affetto da tutti i tifosi con cori e abbracci, ha voluto spiegare cosa lo ha portato a dover dire stop all’attività agonistica. Tutto parte l’aprile scorso, quando, dopo aver contratto il Covid19, per poter tornare a svolgere l’attività agonistica, le visite di rito denotano un problema a livello cardiaco che interessa l’aorta. Come tutti ricorderanno infatti Brognoli non gioca la restante parte di stagione regolare e i playoff 2020-2021, rimanendo sempre vicino alla squadra però. In estate gli approfondimenti svolti portano al nuovo via libera. Rinnovo per la stagione 2021-2022 e i 5 gol siglati, l’ultimo proprio mercoledì. Sempre con la fascia al braccio, il numero 8 sulle spalle e il massimo supporto di tutti. Poi…

Le parole di Stefano Brognoli

“Ho fatto una visita di controllo e la situazione venutasi a creare a sei mesi di distanza mi impone di fermarmi. Purtroppo devo quindi terminare qui la mia carriera e dovrò operarmi (il mese prossimo, ndr). Per me questa è stata una vera e propria tranvata, perché è la mia passione, ciò che faccio da sempre. Stavo vivendo anche una bella stagione. Ma la vita ha voluto così e ora devo andare avanti senza mai mollare. Da giocatore non posso che ringraziare Lodi per questi cinque anni, per il grande calore sempre dimostrato. Abbiamo avuto partite in cui siamo stati trascinati da voi tifosi e da tutta la gente che ci ha seguito con affetto”.

Il presidente Barbati: “Con noi per sempre”

Quel numero 8 ora possiamo quindi “stenderlo” facendolo diventare un infinito. Perché il presidente Luigi Barbati non ha dubbi.

“Finché ci sarò io al Fanfulla, Brognoli non si muove. Su di lui ho sempre contato, ha dimostrato l’attaccamento alla maglia, dando sempre il massimo come un vero punto di riferimento per tutti. Appena saputa la notizia ieri sono subito corso al campo per parlarci e abbracciarlo. Prima di tutto viene la salute e non possiamo che dargli tutta la nostra forza e affetto in questo momento. Ma ripeto, lui rimarrà sempre con noi anche in altre vesti (oggi sarebbe stato infatti il dirigente accompagnatore seguendo quindi dalla panchina i suoi compagni, ndr)”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui