Sestese, è mancata solo la Coppa. Ma è vero show

Un momento di festa della Sestese
Un momento di festa della Sestese

È la Sestese la sorpresa del girone A di Eccellenza? Sembrerebbe proprio di sì. La squadra di Fiorenzo Roncari ha chiuso il 2021 in vetta alla classifica (vero, al pari della Castanese e con la Varesina che ha due partite in meno) ed è stata la squadra del girone A che ha fatto il cammino più lungo in Coppa Italia. Che resta un rimpianto, ma dalla quale i biancocelesti hanno saputo svoltare. Primato a fine anno? A questo punto sognare si può.

Cosa va e cosa non va

Squadra matura e giovani che sanno il fatto loro. Con questo mix, tante volte sbandierato ma che la Sestese ha saputo mostrare in maniera concreta, i biancocelesti hanno chiuso il girone d’andata con 28 punti in classifica. Alessandro Colombo, Simone Dellavedova e Christian Frigerio i giocatori in grado di dare qualcosa in più da under. Thomas Pedrabissi ed Esteban Selpa i bomber annunciati con il secondo a corrente alternata ma tornato ad essere utile alla causa. I momenti negativi sono stati pochi, anche se qualche passaggio a vuoto inaspettato non è ancora stato compreso. Togliendo quelli, si sarebbe rasentata la perfezione

Il valore aggiunto in panchina

Fiorenzo Roncari in panchina è garanzia di Eccellenza. Già vinta, anche recentemente, sulla panchina della Castellanzese. Le similitudini con quella squadra ci sono, sia negli interpreti (Bigioni, Cusaro…). Anche se allora i neroverdi andarono in fuga gestendo il vantaggio nel girone di ritorno. Stavolta, invece, la squadra di Roncari ha dimostrato maturità e capacità di lottarsela con tutti. Proprio per questo non va sottovalutata nella seconda parte di stagione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui