Vito Fratto: “Errori da parte di tutti, ma l’esonero poteva essere gestito meglio”

Vito Fratto, ormai ex allenatore della Baranzatese
Vito Fratto, ormai ex allenatore della Baranzatese

Dopo la partita contro il Gavirate, la Baranzatese ha scelto di esonerare Vito Fratto. Le voci riguardo una possibile separazione tra la società gialloblù e il tecnico, in realtà, giravano già nei mesi scorsi, ma la decisione definitiva è stata presa dopo la prima giornata di ritorno. L’ormai ex tecnico della Baranza torna su quanto successo domenica, sulla stagione, e sui suoi anni nella società milanese.

Le parole di Vito Fratto

“Penso che in generale in una stagione così siano stati commessi errori da parte di tutti. Anche da parte mia, ho scelto di accettare delle situazioni che non avrei dovuto accettare. Però, al tempo stesso, non nego che l’esonero di domenica mi ha sorpreso. Non me l’aspettavo per tempistiche, perché già in passato c’è stata la possibilità di cambiare ma non è stato fatto. E solitamente, chi cambia, lo fa prima della sosta non dopo. Non so, mi viene da pensare che la decisione non sia stata presa per non darmi la possibilità di allenare da altre parti”.

Fratto torna poi sulla stagione in corso: “Era una Baranzatese diversa da quella degli anni scorsi e già dopo la prima partita di Coppa avevo detto che non era una squadra differente. Forse queste parole non sono piaciute, ma è anche vero che ho accettato che in estate venissero presi giocatori che non rappresentavano il mio modo di vedere il calcio. Parlano i numeri, quest’anno abbiamo subito 23 gol, lo scorso anno sempre 23 ma in tutta la stagione. E poi la gestione del gruppo, differente rispetto allo scorso anno. Col gruppo che si è sfaldato”.

Ma Fratto chiude tendendo la mano alla società: “In ogni caso ringrazio sempre il presidente per l’opportunità che mi ha dato in questi due anni e mezzo, con momenti veramente meravigliosi”.

Le parole del presidente Martino Mosconi

Così il presidente Mosconi da VareseSport: “Mi spiace per Vito, lo ringrazierò sempre per averci portato in Promozione. E per aver sfiorato i playoff lo scorso anno. Purtroppo quest’anno i risultati non stanno arrivando e dovevo provare a dare una scossa. Ma le responsabilità sono da dividere con tutti: società, allenatore e giocatori”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui