Varesina, la leadership dei senior e la verve di Malvestio

Varesina, da sinistra Gasparri, Poesio, Malvestio e Spadavecchia
Varesina, da sinistra Gasparri, Poesio, Malvestio e Spadavecchia

Nella conferenza stampa di presentazione della Varesina, anche alcuni giocatori si sono presentati ai microfoni. Cominciando dai due capitani, Claudio Poesio e Vito Spadavecchia. Con loro il pezzo pregiato del mercato, Marco Gasparri. E il centrocampista Luca Malvestio. Coccolato (a modo loro) dai compagni e già entrato a pieno nel gruppo Varesina.

Le parole dei protagonisti

A fare gli onori di casa i due capitani. Così Claudio Poesio: “L’anno scorso sono sceso in Eccellenza per tornare subito in una categoria che, penso, mi compete. La Varesina è una società seria: ha ambizione, voglia di fare e di vincere. E posso dire che averlo fatto qui è stato bello”. Spadavecchia è carichissimo per affrontare una categoria “che non ho mai fatto. La scelta della società di affidare la porta a un portiere esperto è sicuramente un grande attestato di stima”.

Poi i volti nuovi: “Qui c’è un organizzazione come in poche altre realtà per questa categoria. C’è una voglia di fare risultato incredibile, una professionalità unica. Dopo tre anni a Legnano, penso sia stato giusto cambiare. Gol in rovesciata? Uno ci prova, poi vediamo”, la battuta col sorriso. E, infine, Luca Malvestio: “Il progetto mi ha spinto a venire qui, ora devo farmi trovare pronto. La categoria è sicuramente diversa, così come sono differenti i ritmi di lavoro. Ma spero che la mia prima esperienza in Serie D vada il meglio possibile”. Poi, di nuovo, gli scherzi di Poesio e Spadavecchia. Per il giocatore più “coccolato” del gruppo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui