Tritium ammazzagrandi: cade anche il Piacenza, trema la Varesina

Davvero curiose le sorprese che può regalare questo meraviglioso gioco in cui ventidue ragazzi corrono dietro a un pallone su un rettangolo (non sempre) verde. L’esempio più eclatante di questa stagione nel girone B di Serie D è rappresentato dalla Tritium, che mercoledì ha firmato il colpaccio nel turno infrasettimanale battendo 3-1 il Piacenza al “La Rocca”. Tre punti fondamentali per i biancoblù in chiave salvezza, visto che gli hanno permesso di scavalcare il Legnano al diciassettesimo posto portando a nove le lunghezze di margine sul Crema penultimo.

La squadra di Luciano De Paola si conferma così ammazzagrandi, visto che quello contro i favoritissimi emiliani non è il primo scherzetto messo a segno in questa stagione. Delle prime sette, infatti, solamente la capolista Caldiero è riuscita a fare bottino pieno contro la Tritium con un doppio 2-0. Tutte le altre sono state costrette a pagare dazio. Nell’ordine sono andati a sbattere: Varesina (2-1), Arconatese (1-2), Desenzano (1-1), Pro Palazzolo (0-0), Brusaporto (0-1) e infine Piacenza (3-1). Dovrà quindi prestare grandissima attenzione la Varesina, avversaria dei biancoblù domenica a Venegono.

Per i milanesi è quindi di quattordici punti il bottino contro le prime sette della classifica (1,4 punti di media a partita), mentre sono soltanto dodici i punti conquistati contro le restanti avversarie sulla carta più abbordabili (0,8 punti di media a partita). In particolare, salta all’occhio come i trezzesi abbiano ottenuto una sola vittoria nelle quattro sfide contro Crema e Ponte San Pietro, le ultime due della graduatoria per distacco. In poche parole: se non riusciranno a raggiungere la salvezza sarà per colpa di una bassissima media punti negli scontri diretti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui