Serie D – Il podio: Svolta Masitto, gol d’autore. E Cirenei…

Serie D - Il podio di giornata: Masitto, Selvatico, Di Lauri, Cirenei
Serie D - Il podio di giornata: Masitto, Selvatico, Di Lauri, Cirenei

Il podio di giornata in Serie D dell’ultima giornata è un mix importante. Risultati impensabili dopo svolte in panchina, gol pesanti sia ai piani alti che in zona salvezza e imprese. Come quella di entrare e parare un rigore. Così la nostra medaglia d’oro va a Cristiano Masitto, tecnico della Lavagnese. Medaglia d’argento condivisa per i centrocampisti Stefano Selvatico (Sestri Levante) e Luca Di Lauri (Scanzorosciate). E il bronzo a Matteo Cirenei, portiere della Castellanzese.

1° posto – Cristiano Masitto (Lavagnese)

È vero, spesso il cambio d’allenatore porta una svolta mentale non indifferente. Pensare a una Lavagnese corsara a Gozzano, però, era francamente difficile. I liguri erano reduci da quattro sconfitte consecutive, sei passi falsi nelle ultime sette partite. Numeri pesanti che avevano portato alla separazione con Gianni Nucera. Masitto ha riportato serenità e dato quel pizzico di spensieratezza… Dopo l’esperienza da vice di Stefano Sottil alla Feralpi Salò, è tornato a guidare una squadra in prima persona. E l’esordio è stato veramente col botto.

2° posto – Selvatico (Sestri Levante)/Di Lauri (Scanzorosciate)

Centrocampisti col vizio del gol, Stefano Selvatico e Luca Di Lauri hanno in comune anche un passato con la maglia del Seregno. Ora lontani per chilometri e per classifica, sono stati protagonisti in positivo di una domenica super. Selvatico autentico trascinatore di un Sestri Levante che sogna. 6-0 all’Imperia, cinque gol in campionato per un centrocampista che, alla Correggese sei anni fa sfiorò la doppia cifra. Per Di Lauri, invece, sono i primi gol stagionali. Importanti e belli (il secondo, un tiro da fuori area nel sette da applausi) in una partita cruciale per la lotta salvezza. Tornato allo Scanzo, le redini del centrocampo per cercare di rimanere in Serie D. Missione difficile ma, specie dopo domenica, non impossibile.

3° posto – Matteo Cirenei (Castellanzese)

La Castellanzese ha il suo punto di forza… nei portieri di riserva. Matteo Cirenei è stato protagonista inaspettato della partita di domenica. Dopo il rosso ad Indelicato, tutto il tempo necessario per fare riscaldamento (approfittando di un cambio particolarmente lento) e… via, dentro a parare un calcio di rigore. Santonocito ipnotizzato, un finale di partita attento e poi la grande festa. Per la Castellanzese è già la seconda volta. Già contro la Caronnese, infatti, il portiere di riserva (allora Andrea Porro) entrò e parò un calcio di rigore. Due indizi che fanno capire come, per i neroverdi, sia veramente un anno speciale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui