Serie D girone A, il nostro pronostico: Alcione in Serie C

L'Alcione sarà impegnato sul campo del Chisola

Dopo metà campionato abbiamo sufficienti elementi per provare a sbilanciarci e azzardare un pronostico su come terminerà il girone A di Serie D. Fermo restando che è un gioco e che tutti siete autorizzati a fare gesti scaramantici, ecco le nostre previsioni:

Primo posto: Alcione

Partito come il grande favorito, ha chiuso il girone d’andata al primo posto col miglior attacco e la miglior difesa. I 4 punti di vantaggio sulla cenerentola Chisola sono piuttosto rassicuranti, visto che gli Orange si sono anche permessi il lusso di gigioneggiare qua e là durante questi primi mesi. Le rivale davvero attrezzata più vicina in classifica è l’RG Ticino a -9, un ritardo che lascia ben poche speranze ai piemontesi. I milanesi possono quindi cominciare a sognare quello che l’anno scorso hanno solo accarezzato.

Playoff: Chisola, RG Ticino, Città di Varese e Ligorna

Bagarre pazzesca per la post season con otto squadre in corsa. La prima candidata è il Chisola che vanta 6 punti di vantaggio sull’Asti, sesto. Per il gioco che stanno proponendo e l’entusiasmo che li sta spingendo, i torinesi non dovrebbero avere difficoltà a difendere un posto ai playoff. A ridosso c’è l’Albenga, ma qui i punti interrogativi sulla solidità societaria sono tanti e le dimissioni di mister Fossati non sono certo un bel segnale, così come la cessione del capocannoniere Barranco alla Folgore Caratese. Difficile resistere all’assalto di tante formazioni ben più strutturate, tra cui RG Ticino e Città di Varese. Entrambe già oggi sarebbero ai playoff seppur di un soffio, ma entrambe sono in evidente crescita dopo un avvio difficile e ci sentiamo di scommettere su di loro. Resta un posto conteso da Asti, Vado, Ligorna e Bra. La nostra scelta cade sui genovesi, che dopo un avvio difficile (sedicesimi dopo 9 giornate con altrettanti punti), hanno scalato posizioni su posizioni arrivando a sole 4 lunghezze dal quinto posto.

Playout: Derthona, Lavagnese, Chieri e PDHAE

Anche qui la bagarre non manca e comprende ben 11 squadre, dalla Vogherese decima in giù. I rossoneri, tuttavia, al momento sembrano abbastanza tranquilli così come la Fezzanese. Gozzano e Pinerolo sono risaliti nelle ultime giornate e hanno messo qualche punticino prezioso tra loro e le inseguitrici. Tra quelle attualmente in zona playout ci sentiamo di confermare, proiettando la classifica al termine della stagione, Lavagnese e Chieri. Entrambe hanno manifestato qualche difficoltà sia sul piano del gioco che delle individualità e difficilmente potrebbero infilare una striscia positiva sufficiente a tirarle fuori dalle zone calde. Chi ha più chances di risalire la classifica invece è la Sanremese, sorpresa negativa di questi primi mesi visto che occupa la quindicesima posizione con soli 19 punti e ha il terzo peggior attacco. Scorrendo i nomi in rosa, però, è difficile pensare che calciatori così esperti e di qualità non riescano a invertire la rotta prima o poi. A farne le spese potrebbe essere il Derthona, che da ormai 11 giornate non sa più vincere. I bianconeri, secondi dopo 8 giornate a -3 dall’Alcione, hanno infilato una serie negativa di 6 pareggi e 5 sconfitte che li hanno fatti precipitare in classifica. Ormai i punti di vantaggio rimasti sulla zona playout solo soltanto tre e, di questo passo, potrebbero azzerarsi rapidamente. In coda, invece, dà segni di vita il PDHAE che con l’arrivo di Ezio Rossi ha cambiato volto.

Retrocesse: Alba e Borgosesia

Per gli ultimi due posti, che significano retrocessione diretta, optiamo quindi per Alba e Borgosesia. I cuneesi, neopromossi, erano partiti col piede giusto anche sfruttando l’entusiasmo per la nuova categoria. Poi dopo la vittoria sull’Asti si è spenta la luce e, nelle ultime 9 partite, sono arrivati solo 6 punti frutto di 1 vittoria (sul Chieri) e tre pareggi (Fezzanese, Sanremese, Derthona). Un trend negativo preoccupante specialmente considerando che le ultime due sconfitte sono arrivate in scontri diretti con PDHAE e Pinerolo, entrambi giocati in casa. Non meno allarmante il percorso del giovane Borgosesia, fanalino di coda con 4 punti di ritardo dai playout. I granata hanno chiuso il girone d’andata con 7 sconfitte consecutive, 9 nelle ultime 10 giornate, di cui 5 in scontri diretti per la salvezza. L’ultima vittoria risale al 15 ottobre sul campo dell’Alba e i 34 gol subiti, che li rendono la peggior difesa per distacco, sono decisamente troppi per affacciarsi al girone di ritorno senza che suoni l’allarme rosso.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui