Piacenza-Desenzano, i lupi rischiano di diventare prede

Foto Calcio Desenzano

La vittoria di domenica scorsa sul campo del Piacenza può cambiare lo scenario del finale di stagione per il Desenzano, che fino a qualche settimana fa sembrava imprigionato nell’ennesima stagione mediocre dopo un mercato molto importante e conseguenti ambizioni di vertice. Settimo al giro di boa, staccato di 15 punti dalla testa della classifica e di 8 dalla zona playoff, ha saputo trovare le energie per non arrendersi e cercare di riaprire perlomeno la corsa al quinto posto. Nel 2024 sono arrivate cinque vittorie, un pareggio e una sola sconfitta, con i successi pesantissimi negli scontri diretti con Pro Palazzolo e Piacenza.

Soprattutto la vittoria del Garilli può cambiare le sorti dei bresciani, risaliti al sesto posto e ora staccati solo 5 lunghezze dagli emiliani che li precedono in classifica. Una vittoria griffata Alborghetti che formalmente non è stata ancora omologata, ma che non cambierà anche dopo il responso del Giudice Sportivo. Il ricorso, infatti, è stato presentato proprio dai vincitori per un cambio sbagliato dai biancorossi (Zini per Iob al 29′ st) che ha lasciato la formazione di Rossini con un under in meno rispetto a quanto previsto dal regolamento. Negli ultimi venti minuti, infatti, gli unici under in campo per la squadra di casa sono stati Moro (04), Toure (03) e Napoletano (06).

Errore che porterà con ogni probabilità alla sconfitta del Piacenza a tavolino per 3-0, ma che non cambia la classifica rispetto a quanto maturato sul terreno di gioco. Il Desenzano arriva quindi alla sosta per la Viareggio Cup a -5 con ancora 12 partite da giocare. Un distacco che rinvigorisce Paloschi e compagni, che possono ancora sperare di dare un senso al finale di stagione. Anche il calendario delle prossime giornate li aiuta, visto che alla ripresa sfideranno Ponte San Pietro, Castellanzese, Brusaporto e Real Calepina. Nello stesso periodo gli emiliani affronteranno Arconatese, Club Milano, Pro Palazzolo e Legnano, con entrambi gli scontri diretti in trasferta. Pertanto i “lupi”, che due settimane fa sembravano poter andare a caccia del primo posto, ora rischiano seriamente di trasformarsi in prede.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui