Infinitamente Tremolada, il NibionnOggiono si prende i playoff

L'esultanza del NibionnOggiono dopo il gol di Tremolada
L'esultanza del NibionnOggiono dopo il gol di Tremolada

Il NibionnOggiono si prende i playoff. Il guizzo di Tremolada nel primo minuto di recupero permette alla squadra di Giuseppe Commisso di espugnare la Dossenina. Cade il Fanfulla al termine di una partita tesissima, con tre espulsioni in casa Fanfulla e novanta minuti sempre in bilico. La decide il giocatore più forte in casa NibionnOggiono, con Tremolada destinato a guardare al piano di sopra specialmente dopo un sigillo simile.

Espulsione di Fabiani da spartiacque

Tensione alle stelle e non potrebbe essere altrimenti. Perché i playoff “contano poco” (detto popolare), ma in fin dei conti tutti li vogliono vincere. Migliori formazioni possibili (eccezion fatta per il lungodegente Brognoli, che vive la partita praticamente alle spalel di Ciceri) con panchine che danno soluzioni importanti. E i novanta minuti della Dossenina regalano emozioni. Il NibionnOggiono dopo pochi minuti reclama un rigore per un contatto tra Tremolada e Fabiani, ma con la bandierina dell’assistente alta, dall’altra parte De Angelis illude con una girata che finisce fuori di un nulla. Ma è il centrocampo il vero vuore del Guerriero, con le scorribande di Bertelli e le incursioni di Palmieri. Dietro, però, se Pascali è insuperabile nei cieli di Lodi, Fabiani dà meno garanzie. Calmi annusa l’errore al 35′, si fionda sul pallone e il contatto porta all’espulsione del centrale. Che permette al NibionnOggiono di giocare tutto il resto della partita in superiorità numerica.

Traversa Pascali, poi il guizzo di Tremolada

Tremolada invoca un rigore sul finire di primo tempo, ma la caduta un po’ troppo accentuata porta al giallo per l’attaccante lecchese. Il NibionnOggiono approfitta della superiorità nella ripresa ma manca negli ultimi venti metri con Barzotti e Tremolada che faticano a trovare la via del gol o il modo per impensierire Cizza. Paradossalmente gli ospiti si spengono con l’uomo in più e anche i cambi non cambiano la partita. Jamal Idrissi ha l’occasione più importante, ma manca il pallone al momento della girata nel cuore dell’area di rigore. Partita tesa, tesissima, ne fa le spese anche Dellagiovanna con Ciceri indemoniato. Il finale, poi, è al cardiopalma. Prima il tiro da dietro la metà campo di Pascali che per poco non sorprende Guarino, barvo e fortunato a mandare il pallone sulla traversa. Passata la paura, ecco l’apoteosi lecchese. Tremolada prende il tempo a due difensori bianconeri e, in area trova la soluzione vincente che manda in delirio il NibionnOggiono.

Il tabellino della partita

FANFULLA-NIBIONNOGGIONO 0-1

RETE: st 46’ Tremolada.

FANFULLA (4-3-3): Cizza; A. Baggi (48’ st Comi sv), Fabiani, Pascali, Bernardini; Bertelli (32’ st Laribi), Guerrini (15’ st Serbouti), Palmieri; Qeros, De Angelis (7’ st Anastasia), Cirigliano (38’ pt Spaneshi). In panchina: Carriello, F. Baggi, Agnelli, Casali. Allenatore: Ciceri.

NIBIONNOGGIONO (4-2-3-1): Guarino; Premoli, Antonini Lui, Boni, Tocci (32’ st Donadio); Fumagalli, Romano; Tremolada, Barzotti, Fognini; Calmi (9’ st Jamal Idrissi). In panchina: Ceesay, Bernardi, Arrigoni, Redaelli, Losa, Villa, Lillo. Allenatore: Commisso.

ARBITRO: Pezzopane di L’Aquila.

NOTE: Serata serena e calda, terreno in buone condizioni. Espulsi: 35’ pt Fabiani (F) per fallo con chiara occasione da gol, 34’ st Dellagiovanna (dirigente Fanfulla) per proteste, 46’ st Ciceri (allenatore Fanfulla) per proteste). Ammoniti: Fognini, Tremolada, Ciceri, Donadio. Angoli 2-1. Recupero 2’, 4’.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui