Eccellenza – Top e Flop della ventunesima giornata

Eccellenza - Top E Flop della ventunesima giornata
Eccellenza - Top E Flop della ventunesima giornata

Nuova giornata di Eccellenza ed ecco una nuova puntata dei top e flop del girone A. I giocatori che si sono maggiormente distinti e chi ha vissuto una domenica amara. Ovviamente con la voglia di confermarsi la settimana successiva o di voltare immediatamente pagina.

Eccellenza – I top di giornata

ALBERTO ALBERTANI – SETTIMO – “Finalmente un Settimo con grande cuore”. Con queste parole il numero uno biancorosso ha celebrato i suoi ragazzi che hanno letteralmente compiuto l’impresa di giornata. Svolta salvezza? Difficile dirlo ora. Ma certamente per il presidentissimo del Settimo una grande soddisfazione.

MAXI PESCARA – GAVIRATE – Da sempre pericoloso sulle palle aeree, il centrale argentino sceglie la giornata più difficile per diventare protagonista. Tre punti d’oro per il Gavirate, la salvezza è tutta da conquistare ma quello di domenica è uno scalpo importante.

FIORENZO RONCARI – SESTESE – “Sono 17 partite che diamo segnali importanti”. Un plauso ai suoi ragazzi e, forse, una frecciatina a chi non vede ancora la Sestese tra le pretendenti alla vittoria finale. Superato un ostacolo difficile, qualche recriminazione e un pizzico di sofferenza. Ma anche sempre più consapevolezza di poter arrivare fino in fondo.

Eccellenza – I flop di giornata

ALESSANDRO PAGANO – VARZI – I tre punti lasciati a Settimo Milanese rischiano di essere pesantissimi nell’economia del campionato. Le assenze (Grasso e Crea su tutti) non giustificano un passo falso inaspettato, bensì quella di domenica sembra esser stata la classica partita presa sottogamba.

ALFIO GARAVAGLIA – CASTANESE – Se Atene piange, Sparta non ride. Anche a Castano Primo si mastica amaro per una domenica che poteva portare i colori neroverdi nuovamente in vetta. A pochi chilomtri il big match di Venegono Superiore, dalle altre contendenti sfruttato malissimo.

PAOLO CRUCITTI – VERGIATESE – Per ammissione del tecnico granata, la più brutta partita da quando Crucitti è a Vergiate. Giusto rendere merito al Club Milano, giusto far pesare l’attenuante dell’assenza di Becerri. Persa una battaglia, ma la possibilità di andare ai playoff resta sul tavolo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui