Eccellenza? Pochi segnali. E ora prevale lo scoramento

FIGC e CONI, a loro spetta ora il prossimo passo per l'Eccellenza
FIGC e CONI, a loro spetta ora il prossimo passo per l'Eccellenza

Eccellenza pronta a tornare in campo? L’affermazione della scorsa settimana è diventata, al momento, un interrogativo. Perché l’entusiasmo postumo alla riunione del Consiglio Direttivo della LND non ha poi trovato riscontri quantomeno nell’immediato. E poco importa la presenza o meno di un Ministro dello Sport, anche se avrebbe dato un segnale più confortante (Mario Draghi nominerà un sottosegretario allo sport oppure è possibile che la delega venga presa proprio dal Presidente del Consiglio).

Quale il futuro per l’Eccellenza?

L’abbiamo detto settimana scorsa, mai come in questo momento il massimo campionato regionale deve restare in attesa. Perché i passi sono chiari: serve che il CONI riconosca che l’Eccellenza diventi un campionato di interesse nazionale e l’input deve gioco forza arrivare dalla FIGC. Le elezioni sono previste per lunedì 22 febbraio mentre il primo Consiglio Federale dovrebbe svolgersi la settimana successiva. Il 1° marzo nuova data clou? Anche qui meglio usare l’interrogativo. I passaggi, però, sono quelli ormai noti: campionato di interesse nazionale, un format riconosciuto valido da FIGC e CONI e gli aiuti da parte del Governo per quanto riguarda i tamponi. Certo è che il silenzio assordante di questa settimana è stato avvertito da tutti. E, in molti, prevale ora lo scoramento.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui