Città di Varese, confermata la vittoria sull’Asti

Turno sulla carta favorevole per il Città di Varese

Il Giudice sportivo ha respinto il reclamo dell’Asti e confermato la vittoria del Città di Varese. I piemontesi avevano reclamato per la presenza in campo di Simone Musumeci con un numero differente da quello indicato nella distinta.

Il responso del Giudice Sportivo

Il Giudice Sportivo,

  • esaminato il reclamo fatto pervenire a seguito di tempestivo preannuncio dalla ASD ASTI CALCIO con il quale si deduce l’alterazione della regolarità dello svolgimento della gara in epigrafe, in ragione della presunta partecipazione di un calciatore non indicato in distinta e impiegato nel corso della gara con il n. 23, richiedendo per l’effetto che venga inflitta alla SSDARL CITTA’ DI VARESE SRL la punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio di 0 a 3,ai sensi dell’art. 10, co. 6, lett. a) C.G.S.;
  • esaminato il rapporto di gara e rilevato come l’arbitro ha dettagliatamente spiegato l’accaduto e chiarito che il calciatore schierato con il n. 23 è Musumeci Simone, nato il 3.11.2001, regolarmente identificato ma indicato nella distinta consegnata prima dell’inizio della gara con il n. 14;
  • con proprio supplemento di referto trasmesso dal Direttore di gara su richiesta di codesto Giudice Sportivo, l’Ufficiale ha ribadito “di aver attestato con assoluta certezza” l’identità del calciatore, il cui cambio di numerazione era dovuto alla rottura della divisa nel corso del riscaldamento;
    P.Q.M.
    Delibera:
    1) di respingere il reclamo;
    2) di convalidare il risultato della gara conclusasi con il seguente punteggio: SSDARL CITT DI VARESE SRL – ASD ASTI CALCIO 3-
    0;
    3) di addebitare sul conto della ASD ASTI CALCIO il contributo di reclamo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui