Castanese e Varesina, non chiamatele neopromosse

Castanese e Varesina, inizio di campionato da sogno
Castanese e Varesina, inizio di campionato da sogno

Altro che neopromosse, Castanese e Varesina si stanno togliendo grandissime soddisfazioni nel massimo campionato dilettantistico. Chi arrivata in Serie D tramite la lunga trafila dei playoff, chi vincendo il campionato, per entrambe la parola d’ordine è una sola: entusiasmo. Portato dal piano di sotto, per un inizio di stagione coi fiocchi. E se si poteva immaginare una Varesina ambiziosa, sorprende l’avvio della formazione di Marco Molluso alla terza vittoria consecutiva.

Castanese e Varesina un avvio da sogno

Tre vittorie di fila, quattro nelle ultime cinque partite. Aggiungendo il pareggio prezioso di Sanremo. Risultati importanti che hanno portato i neroverdi al 7° posto in classifica. “Se me l’avessero detto a inizio stagione avrei messo la firma. Ci godiamo il momento consapevoli che dobbiamo rimanere umili. La cosa bella è che ognuno mette il suo mattoncino, anche nei momenti di difficoltà. L’esempio? Il 2004 Bacchin, che entra al posto dell’infortunato Milani dopo 10 minuti e segna subito il gol che sblocca la partita ad Asti”, le parole del direttore generale Marco De Bernardi.

Dall’altra parte una Varesina seconda in campionato al pari dell’Arconatese. Proprio il rimpianto della partita contro gli oroblu è stata la molla che ha fatto voltare pagina: “Ora affronteremo Franciacorta, Varese in Coppa Italia e Lumezzane. Saranno partite difficili ma stimolanti, lavoreremo molto anche sull’aspetto mentale”, le parole di Marco Spilli.

Castanese e Varesina, due neopromosse che vogliono continuare a sognare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui