Le Azalee contro l’Accademia: “Rubata la nostra identità, andremo in Procura Federale”

Il nome Azalee a Gallarate significa calcio femminile dal 1980. In città le due entità sono un binomio che vive ora un assedio da parte di persone che fino agli ultimi open day di questo mese erano parte della società rossoblu.

Azalee Gallarate pronte a ricorrere alla procura federale

Da qualche giorno è infatti germogliata l’Accademia Azalee Gallarate con sede in via Montello. Dietro questa novità ci sono due ex responsabili della società del patron Ugo Tomaselli che ricostruisce così la vicenda: «Due nostre ex collaboratrici hanno scelto legittimamente di continuare il loro percorso altrove ma in realtà abbiamo scoperto che non hanno fatto altro che rubare la nostra identità e le nostre tesserate». Come ricostruisce il patron infatti le due ex collaboratrici non si sono limitate a svuotare simbolicamente i propri armadietti, si sono portate nella nuova sede di via Montello anche i cartellini e la documentazione relativa alle tesserate della loro ex società.

Spiazzato ed amareggiato per un simile comportamento Tomaselli tuona: «La procura federale giudicherà il comportamento altrui. Noi ci domandiamo se la società Torino Club e la famiglia Parolo che hanno stretto un accordo con queste persone fossero al corrente di questi fatti. Noi i rami secchi li abbiamo potati e l’accaduto ci dimostra che la scelta era quella giusta, siamo pronti a ripartire da zero e dimostreremo una volta di più chi ha cuore il movimento del calcio femminile a Gallarate da una vita».

L’immagine che dimostrerebbe il tentativo di confondere gli utenti da parte della neonata Accademia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui